Skip to content

Il Manuale del Giovane Social Media Manager (parte I)

18 aprile 2010

“Quali parole dobbiamo ascoltare tra le miriadi che ci rimbombano in rete”? Nel mio twittare ho incontrato Paulo Cohelo, maestro di vita e di speranza e ho trovato il suo Manuale del guerriero della luce un’ispirazione utile per raggiungere l’equilibrio in rete.. e come un Santo Spaziale o un Cavaliere Jedi, proteggere e diffondere la creatività democratica fondata sui social media.

Così, siccome non avevo nulla da fare, ho raccolto e rielaborato la sua ispirazione in questo “Manuale del giovane social media manager” perché “egli condivide con gli altri ciò che conosce”. Ecco le prime 10 indicazioni da leggere e osservare:

1. Il SMM fa sempre qualcosa fuori dal comune

Egli non attraversa i nodi della rete tentando di rappresentare il ruolo che altri hanno scelto per lui.

2. Il SMM non dimentica mai la gratitudine

Egli non dimentica mai gli amici, perché i loro dialoghi si mescolano con il suo nei social network.

3. Tutte le strade della rete conducono al blog del SMM

Egli si immerge senza esitazioni nello stream del buzz che scorre sempre, ma non perde di vista i solidi legami.

4. Il SMM non sottovaluta mai la forza virale della parola

Quando questa è troppo violenta, egli si ritira dalla conversazione, fintantoché non abbia esaurito la sua energia.

5. Il SMM crede nel proprio dialogo

Egli non ha bisogno di dimostrare che quello dell’altro è sbagliato; ciò che è importante durerà, ciò che è inutile si scorderà.

6. Il SMM presta ascolto e rispetta la strategia

Egli sa cosa aspettarsi, conosce i mezzi per raggiungere l’obiettivo e le capacità necessarie per il compito preposto.

7. Il SMM non conta solo sulle proprie forze

Egli usa anche l’energia degli amici. E man mano che procede scopre che l’entusiasmo e l’addestramento non sono sufficienti; è necessaria l’esperienza per raggiungere il risultato.

8. Il SMM pensa a migliorare il proprio stile

Affinchè la fama delle sue parole faccia il giro della rete e si propaghi da persona a persona.

9. Il SMM non tenta di sembrare. Egli è

Non chiede il permesso di parlare, semplicemente parla. Non spiega i suoi gesti, risponde di ciò che fa.

10. Il SMM non ha certezze ma un filo logico da seguire

Egli non giudica mai utilizzando “giusto” o “sbagliato”; adotta l’atteggiamento più adatto a quel momento.

13 commenti leave one →
  1. 19 aprile 2010 01:23

    ti leggo da linkedin ..
    mi piace marco, ho letto più volte il Manuale del guerriero della luce e questa tua “trasposizione” mi piace!
    dora

  2. 19 aprile 2010 06:19

    grazie dora… diverte anche me🙂 paulo è un grande ispiratore!

  3. 19 aprile 2010 09:00

    Grandissimo post! Purtroppo non ho mai letti il Manuale del guerriero della luce. otra devo rimediare!!

  4. 19 aprile 2010 09:51

    si rimedia, ne vale la pena…e aspetta la parte II del Manuale del SMM🙂

  5. Maurizio Battelli permalink
    20 aprile 2010 06:00

    Complimenti Marco. Bella rappresentazione! Attendo la parte II😉

  6. 20 aprile 2010 06:55

    la prossima luce la prossima settimana🙂

  7. 21 aprile 2010 13:26

    Mi piace

  8. 22 aprile 2010 19:37

    Fantastico!
    Mi sa che ripasserò da queste parti!🙂

  9. 22 aprile 2010 20:40

    Bello davvero! lo stampo e lo attacco accanto allo specchio così ogni mattina recito i comandamenti!😉

  10. stefanocucchi permalink
    29 aprile 2010 09:37

    Un post molto utile e concreto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: